Sunday, November 20, 2011

Sharing Economy


I nuovi driver di Condivisione stanno facendo emergere una nuova economia , l’Economia della Condivisone ( dal  Connect al Share )
Prima si consumava ora si condivide anche se non ne siamo pienamente consapevoli
I social media stanno trasformando gli utenti da fruitori di informazioni a collaboratori , con azioni partecipate e condivise.Nel crowsourcing resta tuttavia una consistente fetta di popolazione dal 50% al 60%  in cui prevale l’ analfabetismo digitale  e la teledipendenza.    

L’85% degli internauti crede che le tecnologie web e mobili avranno un ruolo fondamentale nella costruzione di grandi comunità di condivisione per il futuro. ( * Rachel Botsman co-autore What's Mine Is Yours: The Rise of Collaborative Consumption http://collaborativeconsumption.com/ )

Gli utenti web sempre più Digitali  sanno scoprire nuovi modi di utilizzo dei beni e servizi in modo più collaborativo,dando valore alla condivisione, DigitalSharing .  (  Steve Mushkin, CEO di latitudine http://latd.com/  ) 

Nascono così i club del Prestito, i CouchSurfing, i Thredup , come ad esempio http://shareable.net/ 
Questo è  il decennio in cui rispondere alla domanda: "Quanto possiamo condividere?" ( Neal Gorenflo )

Non sorprende quindi che il 75% delle persone attualmente condivida dati personali o contenuti informativi attraverso le piattaforme di social networking. 
Inoltre, il 70% condivide  contenuti multimediali digitali, creazioni personali sotto licenza Creative Commons .

Altre ricerche evidenziano la nascita del consumo collaborativo :
-il 75% degli intervistati prevede che la condivisione degli oggetti fisici e degli spazi
aumenterà nei prossimi 5 anni.
- il 78% ha ritenuto che le loro interazioni online con persone li ha resi più aperti all'idea di condivisione con gli sconosciuti
 - Indipendentemente dal reddito, più di 2 / 3  ha espresso che sarebbe più interessata a condividere i propri beni personali se potesse fare soldi da ciò.
- Più del 60% ritiene che la condivisione facilita la sostenibilità, citando "Meglio per l'ambiente", come uno dei vantaggi della condivisione .*
- il 78% ha utilizzato il peer-to-peer come piattaforma Web, es. Craigslist o Freecycle, in cui la connettività in linea facilita la condivisione con le attività sociali.



 heyneighbor.com  è un social network del prestito gratuito con raccolta di materiali del tuo garage/cantina, è anche possibile scambiare favori
 airbnb.com consente alle persone di convidere spazi su prenotazione 
 getaround.com  scambio/prestito auto

. ( * Rachel Botsman co-autore What's Mine Is Yours: The Rise of Collaborative Consumption http://collaborativeconsumption.com/ )








Oltre le PMI
Le aziende possono offrire valore alle loro comunità, riconoscendo che denaro e prodotti non sono più l'unico, o il più prezioso elemento di una transazione, e questo è importante  per molti utenti web.
Il Valore viene trovato e riconosciuto in Valute alternative , o in Valute social.
La condivisione della cultura rende possibile lo sharing di qualsiasi cosa, comprese le competenze specialistiche, le conoscenze, le relazioni sociali.
Quando è stato chiesto di elaborare una propria partecipazione a concetti di business, molti partecipanti hanno immaginato dei servizi fondati sul baratto (scambio non monetario) con le altre persone di una comunità.
Attualmente, il 61% degli intervistati ha dichiarato la propria disponibilità di tempo, tempo da poter condividere , o la propria disponibilità/interesse nel farlo al fine di rendersi utili altri altri.
Il 16% già condivide il proprio tempo in una comunità organizzata o servizio.
Le aziende lungimiranti come Netflix e Threadless hanno già dimostrato che gli utenti possono fornire un valore per le imprese tradizionali senza comprare qualcosa: attraverso la parola, la creazione di contenuti, le comunità di innovazione, e non solo.

       






Nuova Economia


dalla proprieta’ - - - all’ Accesso

dall’acquisto - - -  allo Scambio

dal consumatore - - - all’ Utente

dai fornitori di merci  - - - ai Generatori di Esperienze servizi


                     













1 comment:

Prof. Daniele Pauletto said...

San Francisco Lisa Gansky, autore del 2010, The Mesh: "Il futuro del business è la CONDIVISIONE.Siamo in un momento in cui l'accesso a beni, servizi, e il talento stanno per trionfare rispetto al loro possesso ..."
http://www.sunset.com/home/sharing-economy-00418000074416/